itcsdanlenfrdeelhugaplrues

Login Form

Verifica disponibilità


social_media.png

Geolocation

QRRL.png

Il borgo di Nepi

Nepi fu fondata secondo la leggenda, dal mitico Termo Larte 458 anni prima di Roma. Il suo nome (anticamente Nepet o Nepete) deriverebbe dal termine Etrusco di “nepa”, cioè acqua a testimonianza della ricchezza delle fonti presenti sul territorio. Ancora oggi la cittadina è nota per l’acqua che prende il suo nome, una delle migliori in Italia. La leggenda narra di un particolare serpente acquatico, adorato da questi antichi popoli come divinità, il quale si mostrò mentre il mitico fondatore Termo Larte era intento a tracciare i confini nuovo insediamento.

Citta Falisca facente parte del Regno Etrusco nel 383 a.C.Nepi si alleò con Roma. Nepi e Sutri sono definite «Claustra Etruriae» e «Antemuralis Etruriae» proprio per l'importanza strategica di questi due antichi insediamenti. Il periodo romano diverrà "municipium", città ricca e potente. Numerosi i resti archeologici di quel periodo. Le ville patrizie, l'anfiteatro, le cosiddette "Terme dei Gracchi", mausolei lungo la via Amerina, cippi, statue , lapidi ecc.

Nel Medio Evo venne saccheggiata più volte durante le invasioni barbariche, conobbe, per contro un periodo di notevole splendore nell'alto Medioevo grazie al fatto di essere attraversata dalla via Amerina, unica arteria a congiungere durante le guerre greco-gotiche Roma a Ravenna.

Nel 915 i Nepesini sconfiggono in uno scontro decisivo i saraceni.

Nepi si costituì Libero Comune nel 1131.

Guelfa fino alla caduta in mano papale nel 1160; divenuta feudo, passò sotto il controllo dei prefetti di Vico venne quindi concessa agli Orsini e successivamente ai Colonna.

Con l’elezione di Rodrigo Borgia a papa (Alessandro VI) la citta venne donata a sua figlia Lucrezia (1499). Munifica ed accorta amministratrice, fu amata e rispettata dalla popolazione. Con il successivo passaggio ai Farnese e la creazione del Ducato di Castro e Nepi, questo territorio visse uno dei periodi più floridi e prolifici( 1537 al 1545 ). Dopodichè Nepi torna sotto il diretto dominio della Santa Sede. Fu dichiarata indipendente potendo quindi innalzare le insegne senatoriali: S.P.Q.N. Il 2 dicembre 1798 venne saccheggiata dalle truppe francesi in ritirata a seguito degli scontri per la Prima Repubblica Romana.

Il 13 settembre 1870 fu occupata dalle truppe italiane e annessa al Regno d'Italia

AcquedottoBastione Farnesiano e AcquedottoCorso MatteottiCorso Matteotti by NightNepi

Palazzo ComunalePiazza d' ArmiPorta dell' Unico e via RomanaPorta Nica e la Cascata di Cavaterra

TOP5 Web Links

Ricezione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo